lunedì 10 ottobre 2011

Pizza con il lievito madre

Sono un pò sparita dalla blogsfera, dal mio blog e dai vostri.
Chiedo venia.
Ma sto studiando alla grande per gli esami del corso di cucina, sto riprovando l'ebrezza (si fa per dire) di passare le intere giornate disponibili nel weekend e le serate infrasettimanali china sui libri.. quindi tempo per cucinare e per postare qualche ricetta ce n'è veramente poco!
Però a stare tutto il giorno a studiare in cucina, perchè il tavolo più grande e comodo per lo studio è lì, è una tentazione.. così nelle pause dello studio (poche eh, che il tempo è poco e le materie da preparare tante!) i criceti sulla ruota girano e tirano fuori qualche idea.. ieri un dolce, dei biscottini di cui vi parlerò, oggi invece mi sono voluta coccolare con una pizza fatta come si deve.

Lunga lievitazione, lievito naturale..
Farina presa al mulino, mozzarella di bufala, olio da frantoio toscano, basilico che ancora resiste impavido sul balcone.. e purtroppo pomodoro non fresco, questa l'unica "pecca"..

Non sono mai stata a Napoli, patria della pizza, è una delle cose che vorrei fare prima o poi.
Ho però assaggiato quella del Maestro, che non a caso è magistrale!!!
La pizza napoletana ha il cornicione alto e soffice e il centro sottile, è leggermente più piccola delle pizze tirate più fine, vuole un impasto diretto, ovvero tutti gli ingredienti vanno mescolati insieme senza preimpasti.

Ho provato ad ottenere una pizza così e direi che come primo esperimento e per essere fatta in casa il risultato è stato molto soddisfacente!

Come tempi.. ho rinfrescato il lievito la mattina, impastato all'ora di pranzo e infornato all'ora di cena.

Ecco quindi la ricetta passo passo per la

PIZZA SIMIL-NAPOLETANA CON LIEVITO MADRE


Ingredienti (per 2 pizze):
500 gr di farina 0 per pizza
250 ml di acqua
70 gr di lievito madre rinfrescato
1 cucchiaino di zucchero
10 gr di sale
1 cucchiaino di strutto o burro fuso
1 cucchiaio di olio
passata di pomodoro
mozzarella di bufala

Procedimento:
Per prima cosa rinfrescare il lievito madre come spiegato qui.
Ecco come si presentava il mio subito dopo l'incisione a croce (decisamente più "vispo" della foto del post sul lievito madre.. che debba cambiare le foto in quel post??).




Quindi iniziate a preparare l'impasto sciogliendo il lievito madre nell'acqua.
Aggiungere il cucchiaino di zucchero, 350 gr di farina e 10 gr di sale e impastare un pò.
Unire altri 75 gr di farina e 1 cucchiaino di strutto o di burro fuso.
Aggiungere l'olio e l'ultima parte di farina (75 gr).
Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo.



Formare una palla e far riposare in un recipiente coperto per 30 minuti.
Dopo il riposo riprendere l'impasto e lavorarlo per qualche minuto.
Vedrete che diventerà subito liscio sotto le vostre mani.




Lasciare quindi riposare coperto altri 10 minuti.
Riprenderlo e dividere in due l'impasto, formando due panetti.
Porli in un recipiente leggermente oliato e coperto e far lievitare 5-7 ore.




Ecco i panetti a lievitazione quasi ultimata.



Ora sono pronti per essere stesi e farciti a piacere.
Io ho utilizzato della salsa di pomodoro e della mozzarella di bufala, olio in uscita.



Cottura in forno a gas a 270° con pietra refrattaria, ovvero la stessa pietra con cui rivestono i forni a legna delle pizzeria.
Va posta nel forno prima di accenderlo e si devono attendere circa 10 minuti dopo che il forno è andato in temperatura.
Aiutandosi con una pala di legno infornare direttamente sulla pietra rovente e cuocere per 3-5 minuti, gli ultimi 2 con il grill.
La pietra refrattaria aiuta ad accorciare i tempi di cottura e dando la botta di calore iniziale conferisce la croccantezza tipica della pizza di pizzeria che con i forni casalinghi solitamente non si riesce ad ottenere.

7 commenti:

  1. Che meraviglia il tuo lievito madre! E non può che esserne venuta fuori una pizza sublime :)
    In bocca al lupo per i tuoi studi e per gli esami, un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  2. Grazie Fede! il lievito si sta riprendendo dal letargo e i risultati si vedono :)
    Crepi il lupo, non vedo l'ora di arrivare alla fine di questa settimana!

    RispondiElimina
  3. adoro usare il lievito madre...così come adoro i lievitati e soprattutto le pizze...ottima la tua...ciao e ti seguo.

    RispondiElimina
  4. meravigliosa!!!!ho una ricetta anch'io con il lievito madre..non l'ho ancora fatta,perchè prevede quasi un'ora di accensione del forno,per scaldare la pietra refrattaria...prima d'infornare..per 2/3 pizze,non so se conviene..complimenti e piacere di conoscerti :))

    RispondiElimina
  5. Ciao ti volevo invitare a partecipare al mio contest: Il dolce piu' peccaminoso!
    qui maggiori info:
    http://dolciricette.blogspot.com/2011/10/la-cucina-dei-7-peccati-il-dolce-piu.html

    RispondiElimina
  6. @Giulia Pignatelli: Grazie! :)

    @Max: anche io adoro lievito madre e lievitati in generale.. sono come una droga!

    @Elisabetta: Caspita! Un'ora di accensione del forno per scaldare la refrattaria? Che io sappia basta mandare il forno in temperatura come faresti normalmente e attendere altri 10 minuti.. Poi considera che la cottura con la refrattaria è molto veloce, in 3-5 minuti è pronta.. quindi mangari un tentativo lo farei!

    @Dolci Ricette: Grazie, ci guardo! :)

    RispondiElimina